ANGIODISPLASIA

È definita come la perdita della isto- e della cito- architettura delle strutture tissutali vascolari ed è alla base della maggior parte delle patologie malformative congenite che interessano le strutture vasali, siano esse arteriose, venose o linfatiche.

Definizione dell’Angiodisplasia

L’angiodisplasia è una malattia dei vasi sanguigni in cui si verificano delle anomalie strutturali. Queste anomalie possono interessare le arterie, le vene o i capillari. Nel contesto gastrointestinale, l’angiodisplasia è spesso localizzata nel colon, nell’intestino tenue o nello stomaco. Le malformazioni vascolari possono variare in dimensione e possono provocare sanguinamento, sebbene non siano sempre sintomatiche.

Cause dell’Angiodisplasia

Le cause esatte dell’angiodisplasia non sono completamente comprese, ma si ritiene che fattori come l’invecchiamento dei vasi sanguigni e la pressione sanguigna elevata possano contribuire allo sviluppo della condizione. Alcune persone possono essere più suscettibili a sviluppare angiodisplasia a causa di malattie vascolari preesistenti o di condizioni ereditarie come la telangiectasia emorragica ereditaria (malattia di Rendu-Osler-Weber).

Sintomi dell’Angiodisplasia

Molte persone con angiodisplasia possono essere asintomatiche e scoprono la condizione solo durante esami medici di routine. Tuttavia, quando i vasi anomali si rompono o sanguinano, possono verificarsi sintomi come:

  • Sanguinamento: Il sintomo principale dell’angiodisplasia è il sanguinamento, che può variare dall’essere leggero a grave, a seconda della gravità delle malformazioni vascolari.
  • Anemia: A causa del sanguinamento cronico, alcuni pazienti possono sviluppare anemia, che può causare stanchezza, debolezza e pallore.
  • Dolori addominali: In alcuni casi, l’angiodisplasia può causare dolore o disagio addominale.
  • Variazioni nella frequenza delle feci: Alcune persone possono notare variazioni nella frequenza delle evacuazioni intestinali a causa dell’angiodisplasia nel colon.
  • Feci scure o sangue occulto nelle feci: Se il sanguinamento è interno, il sangue può non essere visibile a occhio nudo, ma può essere rilevato tramite esami delle feci.

Diagnosi dell’Angiodisplasia

La diagnosi di angiodisplasia può essere effettuata attraverso diversi test e procedure diagnostiche, tra cui:

  • Endoscopia: Una procedura che consente al medico di osservare direttamente l’interno del tratto gastrointestinale con uno strumento chiamato endoscopio.
  • Colonscopia: Una variante dell’endoscopia specifica per esaminare il colon e il retto.
  • Enteroscopia: Un esame dell’intestino tenue che può essere utile nel rilevare angiodisplasie in questa parte del sistema digestivo.
  • Angiografia: Una procedura in cui un mezzo di contrasto viene iniettato nei vasi sanguigni per ottenere immagini dettagliate delle malformazioni vascolari.
  • Esami del sangue: In caso di sanguinamento significativo, possono essere eseguiti esami del sangue per verificare il livello di emoglobina e di ferro.

Trattamento dell’Angiodisplasia

Il trattamento dell’angiodisplasia dipende dalla gravità dei sintomi e dalla posizione delle malformazioni vascolari. Le opzioni di trattamento possono includere:

  • Terapia con elettrocoagulazione: Un processo in cui l’elettrocauterizzazione viene utilizzata per sig

illare le malformazioni vascolari e fermare il sanguinamento.

  • Terapia con coagulazione laser: Un trattamento in cui il laser viene utilizzato per coagulare il sangue e sigillare i vasi sanguigni.
  • Terapia con crioterapia: Un trattamento in cui il freddo viene utilizzato per congelare le malformazioni vascolari e fermare il sanguinamento.
  • Embolizzazione: Una procedura in cui un materiale viene iniettato nel vaso sanguigno per bloccare il flusso di sangue alle malformazioni vascolari.
  • Chirurgia: In casi gravi o ricorrenti, la chirurgia può essere necessaria per rimuovere le malformazioni vascolari.

Conclusioni

L’angiodisplasia è una condizione caratterizzata da malformazioni dei vasi sanguigni, spesso localizzate nel tratto gastrointestinale. Il sanguinamento è il sintomo principale e può causare anemia e altri problemi di salute. Una diagnosi tempestiva e un trattamento adeguato sono fondamentali per gestire la condizione e prevenire complicazioni. Se sospetti di avere angiodisplasia o hai sintomi correlati, consulta sempre un medico o un professionista sanitario qualificato per una valutazione accurata e un piano di trattamento appropriato.

Prenota il tuo appuntamento con noi in modo semplice e veloce.

CHIRURGIA DEI LINFATICI
Linfologia & Microchirurgia

iscriviti alla
newsletter